Il filtro HEPA (il cui nome è acronimo di High-Efficiency Particulate Air) è composto da foglietti filtranti di microfibre assemblati in più strati; ciò permette di bloccare le particelle solide inquinanti presenti nella corrente fluida da trattare, soprattutto … quelle che risultano dannose per la nostra salute.
Questo filtro viene classificato in accordo alle norme UNI EN 1822 che definisce l’efficienza di filtrazione delle particelle di 0.3 micron presenti nell’aria. In totale esistono 8 classi di filtri HEPA, disposte in ordine crescente in base alle caratteristiche prestazionali.
Tra i diversi sistemi filtranti presenti sul mercato, il filtro HEPA è quello più efficace.
Il filtro HEPA nasce dal bisogno in ambito scientifico nucleare di trovare un prodotto che evitasse il diffondersi di particelle radioattive, solo successivamente è stato introdotto anche in ambito commerciale per i prodotti adibiti alla pulizia domestica.
Esso, infatti, permette di effettuare un lavoro completo di sanificazione dell’ambiente eliminando circa il 99,95% di quegli elementi invisibili all’occhio umano, ad esempio:
• Batteri da 1 a 10 micron;
• Pollini da 5 a 100 micron;
• Muffe da 1 a 300 micron;
• Acari da 200 a 300 micron;
Questi, liberi di fluttuare nell’aria, creano problemi soprattutto nel caso qualcuno soffra di allergie o malattie respiratorie.